Logo Associazione Mozaik

                          

Archivio viaggi

Archivio dei viaggi organizzati nel tempo dall'Associazione Culturale Mozaik

Bosnia Andric fb

 

foto

          “All'inizio di tutti i sentieri e di tutti i percorsi, all'origine del pensiero stesso su di loro sta, forte e indelebilmente inciso, il sentiero lungo il quale per la prima volta ho cominciato liberamente a camminare. Accadeva a Višegrad, su quei viottoli duri, irregolari come fossero rosicchiati, dove tutto è arido e desolato, senza bellezza, senza gioia, senza speranza di gioia, senza nessun diritto alla speranza, dove un boccone amaro, che l'uomo non è riuscito ad inghiottire, sobbalza in gola ad ogni passo, dove l'arsura e il vento, la neve e la pioggia divorano la terra e il seme nella terra, e dove tutto ciò che riesce ugualmente a germogliare e a nascere viene talmente segnato, piegato e ritorto che se ne potrebbe in qualche modo ripiantare la cima nel suolo per restituirlo allo stato amorfo e all'oscurità da cui è spuntato. Sono infiniti i sentieri che, simili a fili e cordoni, arabescano le montagne e i declivi intorno alla città, confluiscono nella strada bianca oppure svaniscono vicino all'acqua e nei verdi saliceti. E' stato l'istinto degli uomini e degli animali a tracciare quei sentieri, e il bisogno li ha consolidati. Da qui è difficile partire, ma anche andarsene per tornare (Ivo Andrić, Sentieri).

Leggi tutto: Nella Bosnia di Ivo Andric

Assistenza culturale a cura di Leonardo Barattin, storico

 

 

Dalla Cattedrale di San Sava fino ai minareti del Sangiaccato di Novi Pazar, scorrendo le perle della cultura e della civiltà serba come i grani di un rosario stretto in una mano. Muovendo i primi passi da Belgrado, si punta dritti verso sud, percorrendo l

a Valle dell'Ibar, il fiume su cui si affaccia e si specchia tanta Storia della Serbia e del suo popolo: i monasteri ortodossi d'impronta bizantina, i pilastri della vita politica e militare del Medioevo e delle epoche più vicine, i racconti del popolo serbo e sul popolo serbo sono i grandi protagonisti di un'esperienza che si completa ... a tavola, tra rakija e piatti tipici che esprimono tutta l'ospitalità e la passione di uomini e donne che amano la propria terra.

PROGRAMMA DI VIAGGIO

Mercoledì 1 giugno: ITALIA-BELGRADO

Partenza dagli aeroporti di Milano, Roma e Venezia ed arrivo a Belgrado in tarda mattinata. Trasferimento in autobus riservato in città. Pranzo libero e visita guidata del cuore storico della capitale serba. Cena e pernottamento in città.

Leggi tutto: Attraversando la Serbia

 

                                                                                              

Campanili, Minareti, Sinagoghe

Pasqua in Bosnia-Erzegovina

dal 12 al 17 aprile 2017 – in minibus

Pasqua in Bosnia-Erzegovina è l'appuntamento tradizionale di Viaggiare i Balcani che unisce la festività religiosa cattolica alla conoscenza di genti di altre fedi religiose di questa regione. L'itinerario è mosso da profonda curiosità culturale e umana per un'area spesso scossa dalla Grande Storia, in cui si intrecciano complesse storie personali, familiari e di comunità. Anche se le vicende del XX secolo ne hanno messo a dura prova il tessuto multiculturale e multireligioso, la Bosnia-Erzegovina rimane un ambiente in cui la diversità si avverte con forza, riesce a trasmettere forti emozioni e a stimolare riflessioni.

continua a leggere...Campanili, Minareti, Sinagoghe Pasqua in Bosnia-Erzegovina

 

il barocco e i luoghi di Montalbano tra arte, natura ed enogastronomia

dal 9 al 16 aprile 2016 / in minibus da Venezia-Mestre e nave NA/CT e CT/NA

Accompagnatrice, assistente culturale ed enogastronomica, Annamaria Ferro

Un ottimo pretesto la Sicilia per inaugurare una nuova serie di itinerari che dedicano un approfondimento alla scoperta di quella importante parte di storia e di cultura rappresentata dalla enogastronomia. Sappiamo bene di non scoprire un tema nuovo, ma noi lo inseriamo nei momenti che più contribuiscono a dar senso ad un viaggio, a dargli le giuste motivazioni ed emozioni perché ci immerge “nei piatti della gente locale” per imparare gusti e tradizioni, riconoscerli, apprezzarli e non dimenticarli. Quei sapori che insieme ad ogni forma d’arte, di architettura e di paesaggio, rendono unico il nostro Paese. L’accompagnatrice è, tra l’altro, Docente Cultura Cibo e Vino e Sommelier FISAR.

Leggi tutto: Sicilia del Sud

Tessere di Mozaik