Logo Associazione Mozaik

                          

Archivio viaggi

Archivio dei viaggi organizzati nel tempo dall'Associazione Culturale Mozaik

 

il barocco e i luoghi di Montalbano tra arte, natura ed enogastronomia

dal 9 al 16 aprile 2016 / in minibus da Venezia-Mestre e nave NA/CT e CT/NA

Accompagnatrice, assistente culturale ed enogastronomica, Annamaria Ferro

Un ottimo pretesto la Sicilia per inaugurare una nuova serie di itinerari che dedicano un approfondimento alla scoperta di quella importante parte di storia e di cultura rappresentata dalla enogastronomia. Sappiamo bene di non scoprire un tema nuovo, ma noi lo inseriamo nei momenti che più contribuiscono a dar senso ad un viaggio, a dargli le giuste motivazioni ed emozioni perché ci immerge “nei piatti della gente locale” per imparare gusti e tradizioni, riconoscerli, apprezzarli e non dimenticarli. Quei sapori che insieme ad ogni forma d’arte, di architettura e di paesaggio, rendono unico il nostro Paese. L’accompagnatrice è, tra l’altro, Docente Cultura Cibo e Vino e Sommelier FISAR.

Leggi tutto: Sicilia del Sud

 

 Pasqua in Bosnia-Erzegovina è l'appuntamento tradizionale che Viaggiare i Balcani e Mozaik organizzano per unire la festa religiosa cattolica alla conoscenza di genti di altre fedi religiose in quest'area. L'itinerario è mosso da profonda curiosità culturale e umana verso una regione spesso scossa dalla Grande Storia e in cui si intrecciano complesse storie personali,  familiari e di comunità. Anche se le vicende degli ultimi cent'anni (e in particolare il conflitto armato 1992-1995) ne hanno messo a dura prova il tessuto multiculturale e multireligioso, la Bosnia-Erzegovina rimane un ambiente in cui la diversità si avverte con forza, riuscendo a trasmettere forti emozioni e a stimolare riflessioni.

Leggi tutto: PASQUA IN BOSNIA ERZEGOVINA

                                                                                                                                                                                       

                                                                                                                                             

            

 

Bosnia-Erzegovina 1995-2015

NEMMENO UN GIRO DI LANCETTE

VIAGGIO DI STUDIO PROMOSSO DALLE ASSOCIAZIONI

CIZEROUNO E VIAGGIARE I BALCANI con il sostegno di MOZAIK

Sul finire del 1995, in una piccola città dell'Ohio chiamata Dayton, Alija Izetbegović, Slobodan Milošević e Franjo Tudjman firmano sotto la pressione della comunità internazionale gli Accordi che pongono fine al conflitto armato in Bosnia-Erzegovina. Dalla primavera del 1992, infatti, i tre principali gruppi nazionali - Bosgnacchi, Serbi e Croati - si combattevano reciprocamente con estrema crudezza.

Il trattato, nato per mettere uno stop allo scontro militare e separare le parti, diverrà negli anni uno strumento inadatto a stimolare il progresso politico, sociale, civile, culturale ed economico del Paese. Divisa in due entità etniche ed un distretto autonomo, la Bosnia-Erzegovina naviga tra spinte centrifughe e spinte centripete: le prime volte a dissolvere lo Stato unitario; le seconde indirizzate a raccogliere in territori etnici omogenei i gruppi presenti nel Paese. Sarajevo, Banja Luka e Mostar divengono i centri di riferimento politico di Bosgnacchi, Serbi e Croati, mentre si assiste ad una frammentazione dei poteri e degli interessi che avvantaggia élite, clan e signorie locali.

Leggi tutto: Nemmeno un giro di lancette - Dayton 1995-2015

Trieste, la scontrosa grazia (Umberto Saba)

Domenica, 3 maggio 2015 – con Leonardo Barattin, storico…il filo della Storia… "1891-1914, La grande Trieste" è una vasta esposizione che rende omaggio a quello che fu uno dei maggiori porti europei, innestato su una città brulicante di genti, lingue e religioni. Punto cruciale dell'economia e delle reti di comunicazione dell'Impero austro-ungarico, Trieste vive anni formidabili a cavallo tra Ottocento e Novecento. Pur sopravanzata da Vienna e Praga, è città di primissimo ordine sotto ogni profilo: economico, finanziario, sociale, culturale, ... La produzione intellettuale è impressionante e i nomi di James Joyce e Italo Svevo rappresentano due stelle di un firmamento amplissimo. Città del caffè e dei caffè, Trieste vede protagonisti in ogni settore Italiani, Sloveni, Greci, Serbi, Ebrei, Tedeschi, Ungheresi ... Di tutto questo rimane traccia profonda sia nel tessuto urbano odierno, sia nella mentalità dei suoi abitanti, pur segnati da un Novecento costellato di problemi e di eventi tragici. Primo tra tutti, nel 1914, lo scoppio della Grande Guerra, che scaraventerà Trieste in una condizione sconosciuta di progressivo indebolimento. Città di confine e non più nel cuore dell'Impero, Trieste conoscerà stagioni molto dure, segnate dal Fascismo, dalla Seconda Guerra Mondiale, dall'Esodo giuliano-dalmata e dal calare della Cortina di Ferro.

Leggi tutto: Trieste

Tessere di Mozaik