Logo Associazione Mozaik

                          

Archivio viaggi

Archivio dei viaggi organizzati nel tempo dall'Associazione Culturale Mozaik

 

 Pasqua in Bosnia-Erzegovina è l'appuntamento tradizionale che Viaggiare i Balcani e Mozaik organizzano per unire la festa religiosa cattolica alla conoscenza di genti di altre fedi religiose in quest'area. L'itinerario è mosso da profonda curiosità culturale e umana verso una regione spesso scossa dalla Grande Storia e in cui si intrecciano complesse storie personali,  familiari e di comunità. Anche se le vicende degli ultimi cent'anni (e in particolare il conflitto armato 1992-1995) ne hanno messo a dura prova il tessuto multiculturale e multireligioso, la Bosnia-Erzegovina rimane un ambiente in cui la diversità si avverte con forza, riuscendo a trasmettere forti emozioni e a stimolare riflessioni.

Leggi tutto: PASQUA IN BOSNIA ERZEGOVINA

                                                                                                                                                                                       

                                                                                                                                             

            

 

Bosnia-Erzegovina 1995-2015

NEMMENO UN GIRO DI LANCETTE

VIAGGIO DI STUDIO PROMOSSO DALLE ASSOCIAZIONI

CIZEROUNO E VIAGGIARE I BALCANI con il sostegno di MOZAIK

Sul finire del 1995, in una piccola città dell'Ohio chiamata Dayton, Alija Izetbegović, Slobodan Milošević e Franjo Tudjman firmano sotto la pressione della comunità internazionale gli Accordi che pongono fine al conflitto armato in Bosnia-Erzegovina. Dalla primavera del 1992, infatti, i tre principali gruppi nazionali - Bosgnacchi, Serbi e Croati - si combattevano reciprocamente con estrema crudezza.

Il trattato, nato per mettere uno stop allo scontro militare e separare le parti, diverrà negli anni uno strumento inadatto a stimolare il progresso politico, sociale, civile, culturale ed economico del Paese. Divisa in due entità etniche ed un distretto autonomo, la Bosnia-Erzegovina naviga tra spinte centrifughe e spinte centripete: le prime volte a dissolvere lo Stato unitario; le seconde indirizzate a raccogliere in territori etnici omogenei i gruppi presenti nel Paese. Sarajevo, Banja Luka e Mostar divengono i centri di riferimento politico di Bosgnacchi, Serbi e Croati, mentre si assiste ad una frammentazione dei poteri e degli interessi che avvantaggia élite, clan e signorie locali.

Leggi tutto: Nemmeno un giro di lancette - Dayton 1995-2015

 

                PASQUA IN BOSNIA ERZEGOVINA                     

dall’1 al 6 aprile 2015 – in minibus da Verona FS e da Mestre

 Sei giorni attraverso la Costa Dalmata e la Bosnia-Erzegovina. Un’occasione per poter ammirare queste terre e queste città attraverso la rete di Viaggiareibalcani, per un turismo alternativo e responsabile, per conoscere e divertirsi rispettando culture, storie e luoghi.

Continua a Leggere : Pasqua Viaggi

 B  -  LUBIANA e ZAGABRIA 

la Via delle Capitali: dall'Impero alla Nuova Europa

dall'8 al 10 maggio 2015 - in minivan da Trento e Mestre

Assistenza culturale a cura di Leonardo Barattin, storico

 

Due importanti città nel cuore dell'Impero asburgico: Lubiana (Laibach, in lingua tedesca) e Zagabria (Agram, secondo la denominazione dell'epoca), oggi capitali di Slovenia e Croazia.

Continua a leggere: B-Lubiana e Zagabria 1914-2014 - La Via delle Capitali: dall'Impero alla Nuova Europa

Tessere di Mozaik